Consulenza e Formazione Sicurezza, Medicina Del Lavoro, Sistemi Di Gestione, Qualità, Privacy, Ambiente e Modelli Organizzativi

Il significato di “Privacy”

La parola Privacy, ormai comunemente utilizzata anche nella lingua italiana, comprende diverse definizioni quali segretezza, riserbo, vita privata, intimità, dati personali ecc. che confluiscono nella più comune terminologia di tutela della riservatezza.
Ed è proprio nel concetto di esigenza di tutela della privacy, o tutela di interessi, che è stata approvata il 31 dicembre 1996 la Legge n. 675, la cosiddetta “Legge sulla Privacy”. Con tale legge sulla tutela e il trattamento dei dati personali, il legislatore italiano ha recepito le direttiva CE 95/46 recante “Norme di trattamento automatizzato dei dati personali” introducendo una Normativa inerente la tutela delle persone o di altri soggetti sul trattamento dei dati.

Ad oltre due anni dall’emanazione della “Legge sulla Privacy” è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.P.R. 318/99 “Regolamento recante norme per l’individuazione delle misure minime di sicurezza per il trattamento dei dati personali” che rappresenta una vera e propria svolta nel campo legislativo sulla sicurezza dei sistemi informativi e di controllo dei dati. Per la prima volta nel nostro Paese infatti è stato emanato un provvedimento legislativo che obbliga i destinatari dei dati ad attuare misure minime di sicurezza sull’utilizzo degli stessi la cui mancata applicazione assume rilevanza civile e penale.

In pratica, tutte le organizzazioni che trattano dati personali sia con mezzi informatizzati sia manualmente, devono adeguarsi ad una serie di adempimenti che includono aspetti informativi, contrattualistici, assicurativi, organizzativi e formativi coinvolgendo la maggior parte delle funzioni aziendali.

Introdurre un sistema di gestione della “Privacy” nella propria Azienda non significa solo adempiere a dei requisiti legislativi cogenti, ma garantisce:

  • maggiore chiarezza nei rapporti con Clienti e Fornitori,
  • prevenzione nei confronti di perdite e modifiche ai dati o errori di utilizzo da parte degli utenti,
  • migliore gestione del business Aziendale evitando l’interruzione delle attività tecnico-economiche,
  • corretta gestione dei dati presenti all’interno dell’Azienda,
  • salvaguardia dei software e degli hardware che compongono l’assetto informativo Aziendale.

Inoltre, la redazione di un Documento Programmatico Sulla Sicurezza, così come richiesto dall’art. 6 del D.P.R. 318/99, assicura l’Azienda di mantenere attive delle procedure di sicurezza per la gestione ed il trattamento dei dati,  quindi facilmente integrabili con Sistemi di Gestione per la Qualità e Sicurezza secondo la normativa nazionale ed internazionale.