Consulenza e Formazione Sicurezza, Medicina Del Lavoro, Sistemi Di Gestione, Qualità, Privacy, Ambiente e Modelli Organizzativi

Verifiche Periodiche di Messa a Terra

Frareg S.r.l. ha stipulato un accordo con un organismo notificato europeo abilitato per operare in diversi settori di intervento secondo la Direttiva Ascensori (95/16/CE), Direttiva Macchine (98/37/CE) e secondo il D.P.R. 462/01 (verifica degli impianti elettrici di messa a terra).

Grazie a tale convenzione, Frareg S.r.l. è in grado di proporre le verifiche periodiche seguenti:

  • Installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche
    con controlli visivi sullo stato di conservazione dei componenti esterni ed interni utilizzati ai fini della protezione e con la verifica della continuità di messa a terra dell’impianto.
  • Impianti di messa a terra di impianti alimentati fino a 1000V
    misurando il valore dell’impianto di terra e verificando il coordinamento delle protezioni (sistemi di distribuzione di tipo TT). Nella verifica di questa tipologia di impianti rientrano anche i controlli di continuità dei conduttori di protezione/equipotenziali e della funzionalità degli interruttori differenziali.
  • Impianti di messa a terra di impianti alimentati con tensione oltre 1000V
    misurando il valore dell’impianto di terra e verificando il rispetto della massima tensione ammissibile (valutata sui dati ENEL riguardanti la corrente di guasto monofase a terra e sul tempo di intervento delle protezioni lato MT).
  • Impianti elettrici installati in luoghi di lavoro con pericolo di esplosione
    verificando gli impianti installati in ambienti con pericolo di esplosione per la presenza di liquidi, gas o polveri infiammabili. Le costruzioni elettriche installate in tali impianti devono essere caratterizzate da specifici modi di protezione indicati dalla specifica normativa CEI.

Secondo quanto previsto dal DPR.462, la periodicità delle verifiche dipende dalle caratteristiche dell’ambiente in cui sono installati gli impianti: ogni 2 anni negli ambienti a maggior rischio di incendio, nei luoghi con pericolo di esplosione, nei cantieri e nei locali a uso medico ogni 5 anni per gli altri ambienti aventi caratteristiche ordinarie. Oltre che dal luogo nel quale è installato l’impianto, la periodicità dipende anche dal tipo di impianto. Occorre distinguere tra i nuovi impianti in corso di installazione e gli impianti preesistenti.

Le principali fasi di svolgimento del servizio risultano:

  • Analisi documentale
    Analisi della documentazione tecnica costituita dai documenti di progetto, dalla relazione tecnica, dalla dichiarazione di conformità, dai verbali delle verifiche effettuate negli anni precedenti e, più in generale, dalla documentazione necessaria allo svolgimento del lavoro.
  • Verifiche strumentali
    La fase esecutiva delle verifiche riguardanti l’impianto di terra si articola nei seguenti punti: Verifica della continuità dell’impianto di terra, Prova di funzionalità degli interruttori differenziali, Misura della resistenza di terra, Misura delle tensioni di passo e contatto, Verifica impianto di protezione contro le scariche atmosferiche Impianti installati in ambienti con pericolo di esplosione.
  • Reportistica
    Alla conclusione di tutte le attività di verifica viene emesso un Verbale di Verifica.