Consulenza e Formazione Sicurezza, Medicina Del Lavoro, Sistemi Di Gestione, Qualità, Privacy, Ambiente e Modelli Organizzativi

Scuole ed Enti Locali: obblighi e competenze

Il D.M. 28 settembre 1998 n. 382 ha definito le linee guida per l’attuazione delle disposizioni per la sicurezza sul lavoro negli Istituti scolastici.
La circolare del 29 aprile 1999, n. 119, ha poi chiarito in maniera più precisa le modalità di applicazione delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro negli Istituti scolastici definendo con estrema chiarezza le competenze.
Il datore di lavoro, cioè colui che è il responsabile per l’applicazione della normativa in materia di sicurezza viene individuato per gli Istituti Scolastici nella figura Dirigente Scolastico mentre per le accademie e i Conservatori nella figura dei Presidenti dei Consigli di Amministrazione.
I principali obblighi a suo carico, che discendono dal D.lgs. 626/94 sono:
1)       valutare gli specifici rischi dell’attività svolta nell’istituzione scolastica di riferimento;
2)       elaborare un documento conseguente alla valutazione dei rischi, che indichi i criteri adottati ai fini della valutazione nonché le misure di prevenzione e protezione individuali adottate o da adottare ed il programma delle misure ritenute opportune per rimuovere o ridurre i rischi collettivi ed individuali, custodendolo agli atti;
3)       designare il responsabile del servizio di prevenzione e protezione;
4)       designare gli addetti al servizio di prevenzione e protezione;
5)       designare il medico competente, qualora ne ricorra la necessità secondo quanto indicato alla successiva lettera E;
6)       designare i lavoratori addetti alle misure di prevenzione incendi, evacuazione e di pronto soccorso (“figure sensibili”), nonché la figura del preposto, ove necessaria (es.: laboratori, officine, ecc.);
7)       fornire ai lavoratori, ed agli allievi equiparati ai sensi dell’articolo 2, comma A, del D.Lgs. n. 626, ove necessario, dispositivi di protezione individuale e collettiva;
8)       adottare, con comportamenti e provvedimenti adeguati, ogni altra forma di protezione eventualmente necessaria, prevista dal citato articolo 4 della normativa di riferimento.
9)       assicurare un’idonea attività di formazione ed informazione degli interessati – personale ed alunni – in ragione delle attività svolte da ciascuno e delle relative responsabilità;
10)   consultare il RLS (responsabile dei lavoratori per la sicurezza) ovvero, in sua assenza, la RSA (rappresentanza sindacale aziendale) d’istituto.

La normativa sottolinea l’importanza di una stretta collaborazione tra Ente Locale e Istituti Scolastici fondamentale per promuovere una cultura della sicurezza e per attuare un miglioramento delle condizioni di lavoro.
Spesso per quanto attiene la competenza specifica inerente un obbligo normativo in materia di sicurezza  si crea un contrasto tra Ente Locale e Istituto Scolastico. In proposito è importante sottolineare che tutte quelle che sono attività relative ad interventi strutturali e di manutenzione, necessarie per garantire la sicurezza dei locali e degli edifici  adibiti ad istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado ed educative, sono a carico dell’Ente tenuto, ai sensi dell’art. 3 delle legge 11 gennaio 1996 n. 23, alla loro fornitura e manutenzione. In questo caso gli obblighi previsti dal D.lgs. 626/94, in merito ai predetti interventi, si intendono assolti da parte dei Dirigenti scolastici con la richiesta del loro adempimento all’Ente locale rispettivamente competente e cioè, al comune, per le scuole Materne, Elementari e Secondarie di primo grado e alla Provincia , per l’intera fascia Secondaria Superiore ed artistica nonché per le istituzioni Educative. Rimangono, comunque, a carico dei Dirigenti, tutti quelli che sono gli obblighi di natura organizzativa e gestionale come la formazione dei lavoratori , l’organizzazione dei piani di emergenza, la gestione del sistema di sicurezza.

Per una facile lettura e comprensione delle diverse competenze, riportiamo uno schema che indica la tipologia di documentazione e se sia di pertinenza della scuola o dell’Ente.

Elenco documentazione e certificazioni tecniche

Tipologia documentazione Pertinenza proprietà
Scuola Ente
Identificazione e riferimenti della Scuola/Istituto X
Planimetria della Scuola/Istituto X
Nomina del Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione (R.S.P.P.) X
Nomina del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.) X
Nomina degli Addetti designati alla gestione dell’emergenza X
Nomina Medico competente ( se necessario) X
Agibilità dell’edificio (Scuola/Istituto) x
Documento di Valutazione dei rischi X
Verbali delle riunioni periodiche X
Verbali di sopralluogo X
Documentazione dell’avvenuta attività Informativa – Formativa X
Documento di valutazione rumore D.Lgs. 277/91 o autocertificazione X
Certificato Prevenzione Incendi o Nulla Osta Provvisorio x
Piano per la gestione dell’emergenza x
Elenco dei presidi antincendio e loro ubicazione (Registro Antincendio) x
Registro Infortuni x
Dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico x
Denuncia degli impianti di messa a terra (Mod. B) e dei verbali delle verifiche biennali da parte della A.S.L. X
Denuncia delle installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche e dei verbali delle verifiche biennali da parte della A.S.L. (Mod. A) o relazione tecnica di autoprotezione x
Impianto di riscaldamento centralizzato >34.8 kw  o >30.000 kcal/h x
Schede di sicurezza ed elenco di sostanze e preparati pericolosi x
Documentazione di avvenuta consegna dei Dispositivi di Protezione Individuali x
Dichiarazione di conformità dei macchinari, marcatura CE , manuale di uso e manutenzione x
Libretto/i ascensore/i o montacarichi x