Consulenza e Formazione Sicurezza, Medicina Del Lavoro, Sistemi Di Gestione, Qualità, Privacy, Ambiente e Modelli Organizzativi

Corso per Addetti alla Squadra di Emergenza Antincendio – Rischio Medio

Obiettivo

Corso antincendio che ha l’obiettivo di formare in maniera adeguata la squadra di emergenza nella prevenzione incendi, secondo la nuova disciplina imposta dal legislatore.
Il D.M. 10/03/1998 introduce nuove misure preventive e protettive contro i rischi di incendio, nonché norme in merito alla gestione delle emergenze.
Obbligo a carico del datore di lavoro è, innanzitutto, una classificazione della sua attività sulla base del rischio di incendio (livello di rischio basso, medio, alto). In base a queste tre categorie il legislatore impone l’obbligo di designare gli addetti al servizio antincendio e di formarli: il contenuto di tale formazione è diverso a seconda del livello di rischio cui l’attività appartiene. La normativa di riferimento è il decreto legislativo 81/2008.

I corsi sono organizzati secondo un apposito calendario.

A differenza del corso rischio basso, il corso antincendio rischio medio prevede, lo svolgimento da parte di ogni lavoratore designato di una prova pratica sull’utilizzo di impianti di estinzione (come estintori portatili, naspi e idranti) e di segnaletica di sicurezza per gestire le emergenze negli ambienti di lavoro.
Una breve fase di addestramento per i dipendenti seguirà, quindi, la parte di teoria vera e propria, nella quale saranno spiegate le diverse cause di incendio e i rischi alle persone.

La formazione antincendio fornita da Frareg alle aziende è garantita dalla comprovata esperienza degli esperti professionisti che metteranno a disposizione di ogni impresa interessata le proprie conoscenze.

Da un punto di vista legale, i corsi di sicurezza sono obbligatori per le figure individuate dal datore di lavoro. In caso di mancata formazione di prevenzione e lotta antincendio prevista dal riferimento legislativo, saranno comminate delle sanzioni.

Per ogni ulteriore informazione, la nostra azienda resta a completa disposizione.

L’incendio e la prevenzione incendi:

  • Principi sulla combustione e l’incendio
  • Le sostanze estinguenti; triangolo della combustione
  • Le principali cause di un incendio
  • Rischi alle persone in caso di incendio
  • Principali accorgimenti e misure per prevenire gli incendi

La protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio

Le principali misure di protezione contro gli incendi:

  • Vie di esodo
  • Procedure da adottare quando si scopre un incendio o in caso di allarme
  • Procedure per l’evacuazione; rapporti con i vigili del fuoco
  • Attrezzature e impianti di estinzione; sistemi di allarme
  • Segnaletica di sicurezza
  • Illuminazione di emergenza

Prova pratica: Esercitazioni sull’uso degli estintori portatili e modo di utilizzo di naspi e idranti
Per la realizzazione della prova pratica viene predisposta, all’aperto, una vasca riempita con dell’acqua e collegata ad una bombola di gas, generando un fuoco controllato.
La prova pratica comincia con una spiegazione delle caratteristiche degli estintori che i partecipanti dovranno usare per lo spegnimento del fuoco controllato e delle tecniche di intervento con tali mezzi per uno spegnimento efficace del principio di incendio. Gli estintori utilizzati sono di tipo ad anidride carbonica.
Ogni partecipante prima di iniziare la prova di spegnimento del fuoco controllato con l’estintore, indossa adeguati dispositivi di protezione quali giacca ignifuga, guanti anticalore e caschetto con visiera. La prova viene sostenuta uno alla volta da tutti i partecipanti al corso.
Successivamente vengono mostrate le caratteristiche della manichetta da collegare all’idrante e la sequenza delle operazioni di srotolamento che devono essere eseguite dai corsisti per il corretto e celere utilizzo di tale attrezzatura in caso di incendio. I corsisti provano tale procedura a coppie. Di solito, per motivi di sicurezza e di spazi, queste procedure vengono provate “a secco”, cioè provando solo le procedure delle operazioni da compiere senza la reale apertura con l’acqua in pressione.

Nomina degli addetti antincendio: che cosa fare?

Il datore di lavoro deve nominare la squadra di emergenza antincendio (art. 18, comma 1 lettera b).
Gli addetti della squadra devono seguire idoneo corso di formazione della durata di 4, 8, 16 ore in funzione del livello di rischio incendio (basso, medio, elevato).
I lavoratori non possono, se non per giustificato motivo, rifiutare la designazione se non per giustificato motivo. Essi devono essere formati, essere in numero sufficiente e disporre di attrezzature adeguate, tenendo conto delle dimensioni e dei rischi specifici dell’azienda o unità produttiva (art. 43, comma 3).
Fino all’adozione di specifici criteri di formazione, continuano ad applicarsi i criteri generali di sicurezza antincendio e gestione dell’emergenze nei luoghi di lavoro stabiliti dal DM 10 marzo 1998(art. 46, comma 4).
Si ricorda anche che non esiste ad oggi una validità del corso antincendio in quanto non sono stati definiti obblighi per l’eventuale aggiornamento del corso antincendio.

Numero addetti: il decreto lascia ampia discrezionalità nella scelta del numero dei lavoratori incaricati del servizio di emergenza; il decreto definisce, infatti, che il numero di addetti deve dipendere dalle specificità dei rischi presenti e dalle dimensioni dell’azienda.

Importante: I lavoratori non possono, se non per giustificato motivo, rifiutare la designazione.

Si tratta di individuare un gruppo di lavoratori incaricati di attuare le misure di prevenzione nonché di adottare i provvedimenti che si rendano necessari in situazioni di emergenza, quali:

  • incendio
  • evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato
  • salvataggio
  • pronto soccorso

L’obiettivo perseguito è quello di pianificare l’emergenza, evitando così, quando l’evento rischioso si verifica, sovrapposizioni di direttive che generano confusione e ritardano le operazioni di soccorso.

Chi Cosa Come
Datore di lavoro Nominare squadra emergenza Formazione degli addetti Compilazione dei moduli di nomina Iscrizione degli addetti a idoneo corso di formazione di 4, 8, 12 ore come previsto dal DM 10/03/98.

Modulo per nomina addetto squadra di emergenza antincendio

Rischio basso o rischio medio?

Come fare a determinare se la tua azienda è a rischio basso (per cui devi frequentare un corso di 4 ore) oppure a rischio medio (per cui devi frequentare un corso di 8 ore)?

La legislazione in materia (Decreto Ministeriale 10 marzo 1998), all’Allegato I punto 1.4.4. Classificazione del livello di rischio di incendio recita:

  1. A) LUOGHI DI LAVORO A RISCHIO DI INCENDIO BASSO
    Si intendono a rischio di incendio basso i luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze a basso tasso di infiammabilità e le condizioni locali e di esercizio offrono scarse possibilità di sviluppo di principi di incendio ed in cui, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata.
  2. B) LUOGHI DI LAVORO A RISCHIO DI INCENDIO MEDIO
    Si intendono a rischio di incendio medio i luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze infiammabili c/o condizioni locali e/o di esercizio che possono favorire lo sviluppo di incendi, ma nei quali, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata. Si riportano in allegato IX, esempi di luoghi di lavoro a rischio di incendio medio.

Per dare un’indicazione un po’ più concreta sono generalmente a rischio medio le attività generalmente soggette al rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi (C.P.I.) da parte dei Vigili del Fuoco; cantieri con detenzione e impiego di sostanze infiammabili e uso di fiamme libere (esclusi quelli interamente all’aperto) e sono a rischio basso le attività dove sono presenti sostanze scarsamente infiammabili o vi è bassa probabilità di sviluppo di focolai e non sussistono probabilità di propagazione delle fiamme quindi in linea di massima le attività non soggette al rilascio del C.P.I.

Ti ricordiamo comunque che l’indicazione della classe di rischio dovrebbe essere contenuta nel tuo documento di valutazione dei rischi.

Per ogni dubbio, contattateci.

Seguono le date e le sedi dei corsi

Milano (Via Modica)

Sessione 1
13/05/2019
Sessione 2
15/05/2019
Sessione 3
13/06/2019
Sessione 4
17/07/2019

Roma

Sessione 1
23/05/2019
Sessione 2
21/06/2019
Sessione 3
18/07/2019

Bologna

Sessione 1
22/05/2019
Sessione 2
18/06/2019
Sessione 3
19/07/2019

Padova

Sessione 1
17/04/2019
Sessione 2
20/05/2019
Sessione 3
19/06/2019
Sessione 4
16/07/2019
  • Dati Personali del Corsista
  • Dati Azienda
  • Modalità di Pagamento

    Ai partecipanti verrà consegnato attestato personale rilasciato dall’ente di formazione FRAREG S.R.L. , accreditato presso la regione Lombardia a seguito dell’esito positivo della verifica finale, della presenza pari ad almeno il 90% e del pagamento del corso.

  • BANCA: Intesa San Paolo IBAN: IT90 E030 6901 6051 0000 0013 484
  • C/C postale 38189205 IBAN: IT93 G076 0101 6000 0003 8189 205
  • Altre informazioni
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.
CODICE
S4b
DESTINATARI
Gli Addetti alla Squadra di Emergenza Antincendio rischio medio
DURATA
8 ore (4 ore di teoria e 4 ore di pratica)
PREZZI
  • € 150,00 + IVA a partecipante presso una delle nostre sedi
  • prezzo su richiesta per sessione dedicata presso il cliente
MODALITA'
  • In aula, presso una delle nostre sedi di Milano, Roma, Bologna o Padova in sessione interaziendale;
  • Presso una sede del cliente in sessione dedicata previo preventivo personalizzato
Altri Corsi in Questa Categoria