Consulenza e Formazione Sicurezza, Medicina Del Lavoro, Sistemi Di Gestione, Qualità, Privacy, Ambiente e Modelli Organizzativi

La privacy a scuola: piccolo vademecum sugli adempimenti privacy della scuola dopo il GDPR

Il Garante della privacy ha pubblicato un vademecum in cui vengono chiariti molti interrogativi posti dalle scuole di ogni ordine e grado.

Si riportano di seguito le questioni di maggiore interesse.

  • Obbligo di fornire l’informativa: tutte le scuole hanno l’obbligo di informare gli alunni e le famiglie sulle modalità di trattamento dei loro dati. Nelle informative deve essere indicata la possibilità per gli alunni e le loro famiglie di esercitare i diritti di cui agli articoli da 11 a 22 del GDPR nei confronti della scuola;
  • Per il ritiro del minore le scuole possono farsi rilasciare copia del documento d’identità del soggetto delegato; è necessario a tal proposito effettuare un bilanciamento tra le esigenze identificative dell’adulto che ritira il minore e le esigenze di tutela dei suoi dati garantendo che le copie dei documenti siano adeguatamente protette;
  • La scuola può pubblicare le informazioni sul rendimento scolastico degli alunni e le votazioni finali sulla base delle indicazioni fornite dal MIUR. Nessun riferimento deve, però, essere pubblicato sulle prove “differenziate” fatte dagli alunni DSA;
  • La scuola può trattare dati sulla salute degli alunni qualora sia necessario e consentito da norme di legge ma, tali dati non devono in qualsiasi modo essere diffusi;
  • I dati personali degli alunni non devono essere inseriti in comunicazioni generali rivolte a soggetti diversi rispetto allo specifico interessato;
  • I dati degli alunni DSA devono essere trattati solo dai soggetti a ciò legittimati dalle normative di settore;
  • I genitori possono effettuare riprese video durante le recite per fini personali. Qualora vogliano pubblicare tali riprese sui social dovranno comunque chiedere il consenso dei genitori degli alunni ripresi;
  • Gli alunni possono effettuare registrazioni delle lezioni per scopi personali e gli alunni DSA possono usare strumenti di supporto previsti nei piani individualizzati senza chiedere alcun consenso all’insegnante. Tale consenso sarà necessario per l’eventuale diffusione di tali registrazioni;
  • È possibile pubblicare le graduatorie di docenti e personale ATA. Esse possono contenere esclusivamente nome, cognome, punteggio e posizione in graduatoria dell’interessato;
  • Le scuole possono istallare impianti di videosorveglianza, a scopo di tutela dell’edificio e dei beni scolastici, sia all’interno che all’esterno della struttura con alcune limitazioni. Per quanto riguarda le telecamere interne possono essere accese solo durante l’orario di chiusura della scuola; invece, le telecamere esterne, pur potendo essere sempre accese, devono avere un raggio di ripresa limitato;
  • È possibile consentire a soggetti legittimati di sottoporre agli alunni questionari per attività di ricerca purché i genitori siano stati preventivamente informati e vi abbiano acconsentito.