Consulenza e Formazione Sicurezza, Medicina Del Lavoro, Sistemi Di Gestione, Qualità, Privacy, Ambiente e Modelli Organizzativi

Check-list per le emissioni di inquinanti in atmosfera provenienti da camini

Sono stati individuati gli organismi incaricati di garantire la qualità del sistema delle misure di inquinamento atmosferico. A ciò ha provveduto il Dm Ambiente 20 settembre 2002. La ripartizione dei compiti e’ la seguente:

spettano al Ministero dell’ambiente il coordinamento sul territorio italiano dei programmi di garanzia di qualità su scala comunitaria organizzati dalla Commissione europea (a tal scopo il Ministero si avvale dell’ANPA, del CNR – Istituto sull’inquinamento atmosferico, dell’ISPESL, dell’Istituto superiore sanità, cd. ISS, e dell’Ente per le nuove tecnologie, l’energia e l’ambiente,  cd. ENEA), e l’approvazione delle reti di misura e l’analisi e l’approvazione di metodi di valutazione della qualità dell’aria (compresi l’utilizzo dei modelli e dei metodi di valutazione obiettiva di  cui all’articolo 6 Dlgs 351/1999);
l’Istituto di metrologia “G. Colonnetti”, un istituto di ricerca della rete scientifica del CNR (il Consiglio Nazionale delle Ricerche), ha il compito di attendere alla preparazione, alla certificazione  e al mantenimento di campioni primari e di riferimento di miscele gassose di inquinanti;
l’Istituto sull’inquinamento atmosferico (IIA, un altro istituto di ricerca della rete scientifica del CNR) si occupa dell’approvazione delle apparecchiature di campionamento e di misura nonché  dei sistemi di misura per l’inquinamento atmosferico, della definizione delle relative procedure, dell’accreditamento di laboratori di misura e di campionamento pubblici e privati e dell’accertamento del rispetto della garanzia di qualità delle misurazioni effettuate dai dispositivi di misurazione;
l’ANPA, infine, si occupa della garanzia di qualità dei dati misurati.